IL REBETICO
Se sto dormendo e suona il telefono, vado a rispondere, e se mi chiedono: «ma stavi dormendo?», dico sempre: «no».
Non so perché, ma lo faccio sempre.
Alzo la cornetta e dico «pronto» con la voce più normale possibile. Dall’altra parte, la prima cosa che dice chi ha chiamato è: «ma stavi dormendo?»
«No, no. Figurati».
E poi sono capace di mentire senza alcun pudore con frasi assurde del tipo «no, stavo lavorando», oppure «sono già uscito due volte». E se proprio non ce la faccio a esagerare, dico che sto ancora a letto, si, ma stavo pensando.
Insistono. «E come mai allora hai ancora la voce di sonno? di’ la verità, stavi dormendo, perché menti?», e io li a giurare su qualcosa che mi è molto caro, che non è assolutamente vero, che sono sveglio da un sacco di tempo, che la voce è così perché non ho ancora parlato con nessuno stamattina, e del resto perché dovrei mentire, che ragione ci sarebbe.
Ed è questo il punto cruciale della questione: perché mento? Che ragione c’è? Non c’è una ragione: mi piace.
Francesco Piccolo - Momenti di trascurabile felicità (via mmegatsby)

piegodilibri:

Tutti, o quasi tutti, hanno letto Cent’anni di solitudine. Tutti, o quasi tutti, si ricordano dove e quando lo hanno letto. Per esempio, io tornavo ogni giorno su una panchina del parco vicino a casa, esattamente come García Márquez tornava di continuo davanti al plotone di esecuzione di…

quando la donna con cui dormo ha capito che ognuno deve dormire dal suo lato. che ci si può abbracciare prima, o quando ci svegliamo la mattina, ma quando si dorme bisogna stare ognuno per i fatti suoi. dividendo il letto con la stessa meticolosità con cui si tracciava la linea di divisione del banco con il compagno di banco, a scuola.
momenti di trascurabile felicità, francesco piccolo (via tramagliare)

La vita non porta da nessuna parte.

Contano solo i bagni a mare che ci siamo fatti, i gol che ci hanno fatto vedere quelli bravi, le ragazze frivole per finta e belle per davvero che volevano i passaggi sulle Vespe 50, e poi la suprema forma di gioia: le risate con gli amici

Tony Pagoda e i suoi amici (via mrsatan79)
cumfuckmywife:

☼

pensieriscomposti:

Il tuo amore è una lancia appuntita 
Che può toglier la vita 
Guariscimi amore, 
Del male d’amore 
Guariscimi ora, 
Tu sola hai la cura 

Vinicio Capossela - La lancia del Pelide

ahguzelistanbul:

İstanbul
By Ahmet Kızılhan

ahguzelistanbul:

İstanbul

By Ahmet Kızılhan

piuconmeno:

Janis Joplin- Mercedes Benz (di mnpalm)

R.I.P. Pearl

19.01.1943 - 04.10.1970

piuconmeno:

Rino Gaetano - Sei Ottavi

1977 album Aida