IL REBETICO
Vorrei cantare il canto delle tue mani,
giocare con te un eterno gioco proibito
che l’oggi restasse oggi senza domani
o domani potesse tendere all’ infinito.
E lo vorrei, perché non sono… quando non ci sei.
Francesco Guccini (via italianlady2)

crepax58:

Talking Heads “Burning Down the House”

Vivere senza leggere è pericoloso, ci si deve accontentare della vita, e questo comporta notevoli rischi.

piattaforma Michel Houellebecq

piccola somma

“Se si pensa al livello delle conversazioni che bisogna subire per portarsi al letto una ragazza, e se si pensa che nella maggior parte dei casi la suddetta ragazza si rivelerà una pessima amante, decisa a spaccarti i coglioni coi suoi problemi e ad attaccarti bottoni infiniti sui suoi ex amichetti - facendoti capire, per inciso, che non sei proprio all’altezza - e che ti toccherà passare con lei quantomeno il resto della notte… Beh, credo che a quel punto non ci sia molto da stupirsi se tanti uomini preferiscono togliersi il pensiero sganciando una piccola somma”

piattaforma Michel Houellebecq

bell’e finita

Mi carezzò il torace con la punta delle dita. “E comunque penso
che tu abbia ragione. In Occidente la rivoluzione sessuale è bell’e finita.”
“E lo sai perché?”
“No…” Esitò, poi riprese: “No, in effetti non lo so.” Accesi una sigaretta, mi sistemai il cuscino
dietro la nuca e dissi: “Fammi un pompino.” Valérie mi guardò con una certa sorpresa, ma nondimeno
si chinò sul mio sesso per prenderlo in bocca. “Ecco!” dissi in tono trionfante. Lei si bloccò, e di nuovo
mi guardò stupita. “Lo vedi? Io ti ho detto di farmi un pompino, e tu hai obbedito. Eppure fino a un
attimo fa non ci pensavi neanche lontanamente.”
“In effetti no, non ci pensavo; però mi fa piacere.”
“Ed è proprio questa la tua dote straordinaria: a te piace dare piacere. Una cosa che gli occidentali
non sanno più fare: offrire il proprio corpo come qualcosa di gradevole, dare piacere senza pretendere
nulla in cambio. Hanno perduto completamente il senso del dono. Per quanto si affannino, non
riescono più a sentire il sesso come qualcosa di naturale. Si vergognano del proprio corpo perché non lo
vedono all’altezza degli standard della pubblicità e del cinema, e per le stesse ragioni non si sentono più
attratti dal corpo dell’altro. È impossibile fare l’amore senza un certo abbandono, senza l’accettazione
quantomeno temporanea di una condizione di dipendenza e di soggezione. Esaltazione sentimentale e
ossessione sessuale hanno un’origine comune, derivano entrambe da un parziale oblio del proprio ego;
è un campo nel quale è difficile realizzarsi senza perdersi. Invece noi siamo diventati freddi, razionali,
estremamente consapevoli della nostra esistenza individuale e dei nostri diritti; per prima cosa vogliamo
evitare qualsiasi forma di alienazione e dipendenza; poi siamo assillati dalla salute e dall’igiene: è chiaro
che queste non sono certo le condizioni ideali per fare l’amore. Al punto in cui siamo, la
professionalizzazione della sessualità in Occidente è inevitabile. Oppure, per chi lo preferisce, c’è
sempre il sadomasochismo. Un universo puramente cerebrale, fondato su regole precise e sull’accordo
preventivo tra le parti coinvolte; i masochisti sono interessati unicamente alle proprie sensazioni,
cercano di capire fin dove possano spingersi nel campo del dolore, un po’ come chi pratica gli sport
estremi. I sadici sono diversi: loro si spingono comunque fino all’impossibile, seguendo una tendenza
umana antichissima - se potessero mutilare o uccidere lo farebbero senza pensarci due volte.”
“Non riesco neanche a pensarci,” disse Valérie, rabbrividendo. “Mi fa veramente schifo.”
“Ti fa schifo perché tu, e quindi la tua sessualità, sei rimasta intatta, animalesca. Tu sei una persona
normale, e da questo punto di vista non hai niente in comune con gli occidentali di oggi. Il
sadomasochismo organizzato, con le sue regole e i suoi rituali, può concernere soltanto persone colte,
cerebrali, per le quali il sesso abbia perduto ogni attrattiva. Per gli altri è rimasta un’unica soluzione: il
materiale porno; se invece vogliono del sesso reale, devono andarselo a procurare nei paesi del Terzo
Mondo.”
“Bene…” Valérie sorrise. “Quel pompino te lo faccio lo stesso o no?”

piattaforma Michel Houellebecq

yoda1962:

Vernazza, Cinqueterre - Italy

yoda1962:

Vernazza, Cinqueterre - Italy

finoaquituttobenesettanta:


“A vún, a dú, a vún dú trii, il titolo è :

Amami e sgonfiami.”

S’inginocchiò sul marciapiede, mi sbottonò i pantaloni, prese il mio sesso in bocca. Mi appoggiai alle inferriate del parco: ero pronto a venire. Valérie allontanò la bocca e continuò a masturbarmi con due dita, mentre infilava l’altra mano nei pantaloni per accarezzarmi i coglioni. Chiuse gli occhi; le eiaculai sul viso. In quel momento credetti che stesse per avere una crisi di pianto; ma invece no, si limitò a leccare lo sperma che le colava lungo le guance.

fuckmeandcallmeprincess:

bestxxxvideos:

http://bestxxxvideos.tumblr.com/

I wanna move in with someone who’ll do what this guy does 👌

frexkiss:

✿

frexkiss: